Clima, questa sera a Sansepolcro luci spente in piazza Torre di Berta

Dalle 19:00 alle 24:00 l’illuminazione della piazza sarà interrotta per richiamare l’attenzione sui cambiamenti climatici. Iniziativa a cura di Amministrazione comunale e Associazione Cultura della Pace

Luci spente questa sera in Piazza Torre di Berta. Ad annunciarlo è l’Amministrazione comunale di Sansepolcro che in collaborazione con l’Associazione Cultura della Pace ha scelto di rendere omaggio alle tantissime manifestazioni per il clima in corso in queste ore in tutto il mondo. L’iniziativa vedrà l’interruzione dell’illuminazione pubblica nella piazza principale della città dalle 19:00 alle 24:00.

“Come comune di Sansepolcro siamo molto vicini ad un movimento che sta cercando di diffondere una maggiore sensibilità sul tema dell’ambiente – dichiara l’assessore Gabriele Marconcini, titolare delle deleghe ai Beni Comuni e all’Istruzione – Crediamo che sia doveroso e necessario fare questo perché c’è bisogno di un cambio netto che deve partire dal basso. Con i nostri piccoli comportamenti quotidiani, tutti noi possiamo in realtà fare molto. È bene ribadire che c’è un legame tra quello che decidiamo di mangiare e fare durante il giorno e tutto ciò che si può riverberare in un contesto planetario: questi problemi enormi si possono aggravare, ma anche attenuare, attraverso i nostri atteggiamenti.”

“Assieme agli amici dell’Associazione Cultura della Pace – spiega l’assessore – anche noi abbiamo pensato di dare un piccolo segnale, che è quello di spegnere le luci della Piazza proprio per far capire che anche i consumi possono e devono abbassarsi. Se tutti riuscissimo ad adottare una serie di accortezze sicuramente potremmo contribuire alla risoluzione dei problemi ambientali mondiali. Ma non è tutto. Oltre a questo, come Comune, dobbiamo esercitare un’azione forte per far sì che anche all’interno delle nostre scuole si possa favorire lo studio e l’apprendimento di problematiche che sono responsabili di questa situazione oggetto di discussione e preoccupazione in tutto il mondo. Dare ai ragazzi gli strumenti culturali e conoscitivi per favorire azioni serie e concrete è per noi un dovere imprescindibile. La nostra amministrazione è pienamente disponibile ad appoggiare qualsiasi tipo di iniziativa che vada in questa direzione.”