“La cannabis è solo per alleviare dolori terribili”, l’appello di Adriano Sofri. Intanto gli amici aprono il gruppo Fb “Io sto con Walter”

di Cm

“C’è una persona che chiede di essere aiutata. Walter de Benedetto ha oggi 48 anni, vive in una frazione di Arezzo, ha lavorato, finché ha potuto, nella USL, è stato, è ancora, un musicista poeta. La sua trentennale malattia neuromuscolare lo ha reso praticamente immobile e gli procura dolori terribili, che può solo alleviare grazie al Bedrocan, un farmaco ricavato dalla cannabis medica e prescritto dalla sanità pubblica. La cui dose, con l’aggravamento del male, non è più sufficiente.

Dopo averne invano chiesto l’adeguamento, Walter ha coltivato in casa nove (9) piante. Ciò che gli ha procurato un’altruista delazione e un’irruzione di carabinieri. Ecco: io detesto i giochi sui nomi propri, ma per una volta citerò quello dell’attuale ministro della sanità. Si chiama Speranza”.

Questi alcuni tratti del lungo post pubblicato da Adriano Sofri che riporta la storia di Walter De Benedetto, l’aretino 48enne affetto da quando aveva 16 anni da una malattia neuromuscolare, l’artrite reumatoide, e proprietario della piantagione di marjiuana sequestrata la scorsa settimana a Ripa di Olmo dai carabinieri.

Non solo il post di Sofri ha raccolto molti consensi, ma è intervenuto in merito anche Enzo Brogi.

E gli amici del 48enne hanno aperto un gruppo su Facebook “Io sto con Walter”, nel quale hanno scritto: “salve ragazzi, siamo gli amici di Walter e siamo qui per diffondere la sua storia, sostenere lui e tutti quelli come lui che semplicemente si appellano al diritto di cura. Aiutateci a far conoscere a quante più persone possibile la sua storia…” e ancora “Questo gruppo è stato creato per sostenere Walter un nostro amico affetto da artrite reumatoide che chiede a gran voce per tutte le persone che si trovano nella sua stessa situazione, semplicemente di potersi curare”.

L’amico di Walter dopo il sequestro è stato arrestato. Lo aiutava ad annaffiare le piante. A novembre lo attende il processo.