L’albo dei volontari dell’amministrazione comunale

19

Lucia Tanti: “nasce il volontariato individuale: accanto alle associazioni ogni singolo cittadino diventa protagonista”

È all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale e ha già ricevuto il parere favorevole della commissione consiliare competente. Si tratta del nuovo regolamento per l’istituzione di un albo di volontari dell’amministrazione comunale, atto voluto dall’assessore alle politiche sociali Lucia Tanti: “se vogliamo, questo è un regolamento di ascendenza kennedyana: cosa potete fare voi per il vostro Paese, si chiese l’allora presidente degli Stati Uniti. In questi anni ho potuto riscontrare la disponibilità di molti cittadini a fare qualcosa per Arezzo: dall’insegnante in pensione per un servizio di doposcuola, al gruppo di amici disponibili a tenere aperto uno spazio espositivo, al gruppo di genitori pronti a tinteggiare la parete di un edificio scolastico.

A queste persone, adesso apriamo uno spazio di possibilità, grazie all’albo dei volontari dell’amministrazione comunale. Chi si rende disponibile non dovrà per forza iscriversi a un’associazione ma potrà chiedere di essere inserito in quest’albo. A seconda del servizio in ballo, l’ufficio comunale competente, dai servizi sociali alla manutenzione, valuterà l’effettiva esigenza del servizio da svolgere e le caratteristiche del volontario che si è offerto. Se il servizio non si rende necessario nell’immediato, il volontario, se ritenuto adatto, sarà comunque iscritto all’albo e potrà essere chiamato quando sorge la reale necessità. Oppure essere immediatamente impiegato.

Nell’arco di alcuni anni, avremo un bel gruppo di cittadini che, liberamente e spontaneamente, si ergono a protagonisti per il bene della città. Ci saranno ovviamente dei limiti di orario giornaliero, l’amministrazione è disposta a offrire gli strumenti necessari all’attività da compiere e soprattutto assumerà i costi assicurativi per coprire infortuni e responsabilità civile. Un ringraziamento ai consiglieri comunali Federico Scapecchi, Donata Pasquini, Roberto Bardelli, Angelo Rossi, Meri Stella Cornacchini che, insieme agli uffici, hanno di fatto costruito il testo di regolamento”.