Prende il via un nuovo “Prodotto Turistico Omogeneo”: Via Romea Germanica

capofila del progetto denominato “Prodotto Turistico Omogeneo Via Romea Germanica”.  La scelta su è arrivata ieri sera durante la riunione tenutasi ad e alla quale erano presenti il comune capoluogo , ,

, , Chiusi della Verna, Chitignano, Marradi, la Regione e i rappresentanti dell’Associazione Via Romea Germanica tra cui il presidente Rodolfo Valentini, il co-fondatore dell’associazione Flavio Foietta e il già del Consiglio d’Europa Alberto d’Alessandro.  Con l’istituzione del “Prodotto Turistico Omogeneo” si da il via ad una nuova destinazione turistica in Toscana che consentirà, attraverso il contenimento dei costi di gestione e la pianificazione delle attività, l’esercizio delle funzioni di accoglienza e informazione turistica a carattere sovra comunale, la promozione e comunicazione del prodotto turistico ed il monitoraggio e l’analisi dei flussi turistici. S’impone, così, nel panorama dei cammini anche la via Romea-Germanica, strada che fin dal medioevo i pellegrini percorrevano verso Roma, la città che costituiva una delle principali mete, con Gerusalemme e Santiago de Compostela, della Cristianità occidentale. Dalla Germania, appunto, l’antica via di pellegrinaggio approda in terra aretina in prossimità dell’attuale passo dei Mandrioli. Il percorso, digradando per il verso Arezzo e proseguendo per la val di Chiana, arriva a Orvieto, per poi raggiungere Montefiascone, località in comune con la via Francigena e da li, lungo la Via Francigena a Roma. “Il viaggiatore non conosce i confini comunali e pertanto la promozione di un Territorio Omogeneo è la strada giusta per le successive azioni di marketing. Ringraziamo i comuni che hanno sostenuto la candidatura di Castiglion Fiorentino come capofila del progetto e ci attiveremo fin da subito per la promozione di questo cammino che riteniamo possa portare benefici turistici ed economici a tutta l’area interessata” dichiara Devis Milighetti, assessore alla Promozione Turistica.