Tu, ma per sempre: il nuovo romanzo di Roberto Emanuelli

Mi dicevano che c’era un limite a questa mia folle voglia di credere nell’amore, di crederci nonostante tutto e tutti, contro ogni logica. E allora io guardavo fuori dalla finestra, il cielo blu, la luna, le stelle, l’universo infinito. Ma limiti no, proprio non ne vedevo”.
Quanto coraggio ci vuole per tener stretto l’amore, anche quando fa male?
Quanto coraggio ci vuole per rialzarsi dopo l’ennesima caduta?
Quanto coraggio ci vuole per stare al fianco di un amico mentre il mondo gli crolla addosso? Quanto coraggio ci vuole per sedersi davanti a un tramonto, spingere lo sguardo oltre la linea dell’orizzonte e capire che chiunque può superare i propri limiti, chiunque può essere infinito?
E per imparare ad amarsi, fregandosene dei giudizi altrui, saltando fuori dalla gabbia che hai intorno, quanto coraggio ci vuole?
Martedì 8 ottobre arriva in libreria, Tu, ma per sempre il nuovo romanzo di Roberto Emanuelli.
Nato a Roma dove attualmente vive, ha frequentato il liceo scientifico Marcello Malpighi, ed in seguito si è iscritto alla facoltà di Lettere e Spettacolo della Sapienza senza concludere gli studi. Ho studiato pianoforte classico e prodotto una quarantina di canzoni rap nel suo studio casalingo. Ex imprenditore in vari settori, ha scritto tre romanzi, e vive di scrittura.
Autore rivelazione con oltre trecentomila copie di libri vendute con i suoi primi tre romanzi, torna in libreria con un nuovo e attesissimo romanzo edito da DeaPlaneta Libri.

26.jpg
Roberto Emanuelli – photo di Luca Brunetti

Una volta sul suo blog ha scritto un post dal titolo Tutto quello che ho capito dell’amore.
Nel testo non c’erano parole, e come immagine ha inserito una fotografia completamente bianca, cioè dello stesso colore dello sfondo del blog.
Molte persone gli hanno scritto in privato, o fra i commenti, informandolo che l’immagine non si caricava, che non riuscivano a visualizzarla, poi piano piano qualcuno ha capito.
Ecco, dell’amore è disposto ad accettare il fatto che possa essere spiegato e definito solo in un range di parole che va da zero a infinito.
Qualunque altro numero, fosse anche il più grande mai pensato dall’uomo o dai computer, sarebbe svilente e limitante.
Servirebbe a raccontare qualcosa di piccolo, senza respiro, e renderebbe il tentativo di definizione fasullo.
O nessuna o tutte le parole.
Stessa cosa vale per gli ingredienti di un romanzo nel quale l’amore gioca un ruolo chiave. Servono tutti e nessuno.
Come in questo nuovo romanzo.

32
Roberto Emanuelli – photo di Luca Brunetti

Lorenzo e Marzia sono amici da poco, uniti dalla musica, quella che lui suona da sempre, per passione e per mettere insieme uno stipendio, e che per lei fa parte del regalo di compleanno che sta preparando per Riccardo, l’amore della sua vita. Hanno storie diverse, Lorenzo e Marzia: lui ha trentasette anni, è nato in una periferia popolare ma vive in un palazzo elegante del centro di Roma, con la sua bellissima moglie Ginevra e una splendida bambina di tre anni e mezzo, per la quale farebbe qualunque cosa; Marzia di anni ne ha diciotto, si è appena trasferita con la famiglia alla Garbatella, trovando nuove compagne con cui condividere le emozioni più forti, compresa la paura per l’esame di maturità. Rompendo ogni schema e con la tenerezza dirompente delle vere amicizie, loro e un gruppo fantastico di persone pronte in ogni momento ad aiutarle affronteranno un’estate destinata a cambiare tutto, attraverso cadute dolorose, altalene di dubbi, errori inattesi e momenti di irrefrenabile gioia. Con la voglia di credere nell’amore, sempre, a qualunque costo, e di urlare al mondo la magia di un bacio, la poesia di un sorriso, la bellezza dei propri sogni!
Tu, ma per sempre regala ai lettori pagine piene di voglia di credere nell’amore, sempre, a qualunque costo, e di urlare al mondo la magia di un bacio, la poesia di un sorriso, la bellezza dei propri sogni.
Parole intime talvolta quasi sussurrate che conquistano il cuore dei lettori.
Perché Roberto Emanuelli sa parlare d’amore con un linguaggio semplice ma profondo ed i suoi libri raccontano storie comuni in cui è facile immedesimarsi.
E con Tu, ma per sempre ci rammenta che è fondamentale ritornare al romanticismo di una volta.
Per affacciarsi dalla finestra ad osservare il mare, la spiaggia e il cielo stellato di una notte d’amore.
Essere autentici, ecco la nostra unica chance per tentare di parlare d’amore senza cedere il passo alla banalità.
Ricordando che l’amore qualche volta ha bisogno di perdersi per farsi ritrovare.
Penso che è bello inventare parole per te, anche se tu sei tutte le parole che nessuno ha mai inventato”.

14
Roberto Emanuelli – photo di Luca Brunetti