Elia Fiumicelli espone a Stia il suo concetto di rinascita dopo la pandemia. In mostra grandi figure femminili e animali esotici dai colori caldi e vivaci

Dal 25 luglio al 30 settembre 2020 il ristorante Falterona di Piazza Tanucci 9, a Stia, ospita “Colori di rinascita”, mostra di pittura di Elia Fiumicelli a cura di Marco Botti.

L’esposizione sarà visitabile, a ingresso gratuito, negli orari di apertura del locale.

 

LA MOSTRA:

Torna l’arte al Ristorante Falterona di Leonardo Norcini, nel centro storico di Stia. Questa volta protagonista è l’arte di Elia Fiumicelli, giovane talento stiano già inserito nell’antologia “Artuscany. Artisti in Toscana”, che presenta per l’occasione una serie di opere di grande formato, alcune delle quali inedite.

Racconta l’artista: “Durante il lockdown mi affacciavo e vedevo le strade vuote e grigie, nonostante la primavera fosse pronta a sbocciare. Per esorcizzare la solitudine ho riempito le mie giornate immaginando figure femminili ricche di colori caldi e vivaci, che poi sono diventate il cuore della mostra”.

Non solo le caratteristiche donne sinuose di Fiumicelli in esposizione, ma anche animali esotici, un altro tema molto caro al pittore. Un tripudio di forme e colori che trasmetterà gioia di vivere e nuova fiducia nel futuro a tutti coloro che frequenteranno nei prossimi mesi il locale casentinese.

 

L’ARTISTA:

Elia Fiumicelli nasce nel 1994 a Montevarchi ma vive a Stia. Frequenta la sezione “Design del tessuto” all’Istituto d’Arte “Piero della Francesca” di Arezzo, dove si distingue all’interno del suo percorso di studi e, giovanissimo, inizia il suo percorso artistico ed espositivo. Terminati gli studi si reca, in veste di stagista, a “La Mantero Seta” di Como. Qui, affiancato da personale altamente qualificato, lavora nella sezione “Divisione Donna”, dove comincia a mettere le basi del suo bagaglio conoscitivo attraverso un’esperienza unica e importante per la sua formazione professionale. A Como inizia a disegnare i suoi primi tessuti, selezionati e presentati dall’azienda a Parigi nell’ambito della prestigiosa fiera “Première Vision”. Il percorso con La Mantero prosegue con l’inserimento nella factory aziendale. In questi anni in cui i suoi studi ottengono crescenti riconoscimenti e collaborazioni, intraprende un percorso artistico parallelo dedicandosi alla pittura, in cui sviluppa una cifra stilistica personale e riconoscibile. Dal 2016 collabora con ExpArt Studio&Gallery, con la quale espone con successo in Italia e all’estero. Nel 2017 e nel 2019 espone nel Museo dell’Arte della Lana di Stia con le personali “Mood” e “Ri-guardo la Primavera”. Attualmente lavora per l’azienda orafa Freschi & Vangelisti, dove si occupa di modellazione a cera e grafica creativa. Nel 2020 ha eseguito per la ditta una grande pittura murale dal titolo “Le mani lussuose”.