M5S Arezzo: “Arezzo zona pedonale, noi ci siamo”

M5S Gazebo
M5S Gazebo

Condividiamo l’idea della ​chiusura ​al traffico di alcune vie centrali e dell’​ampliamento ​ del suolo pubblico per le attività per la ripartenza economica di Arezzo. E’ pur sempre un inizio, sebbene questi interventi siano dettati dall’emergenza Covid-19 e non da una visione sostenibile ​di città.

Appoggiamo allo stesso modo anche le richieste promosse da Calcit e Fiab di puntare ad una mobilità ​ecosostenibile ​ e rilanciare una diversa e più sicura vivibilità cittadina.
E’ un’occasione unica per rivedere la ​mobilità ​ dentro le mura della città. E’ il momento giusto per far diventare Arezzo una città ​Europea ​ , con un centro storico a passo d’uomo ed un turismo che non potrà che beneficiarne. È il momento di sfruttare i parcheggi alle porte di Arezzo: Baldaccio e Mecenate, ampiamente ​sottoutilizzati ​ , ma anche Tarlati, Eden, Pietri, Rossellino, San Donato, incentivando​ poi da lì l’utilizzo di mezzi alternativi quali biciclette, monopattini, navette elettriche ​ . E’ necessario studiare un raccordo tra tutte le piste ciclabili della città in maniera da offrire la possibilità a tutti, studenti, lavoratori, cicloturisti, di utilizzare come mezzo di trasporto la bicicletta in totale sicurezza.

Oggi più che mai il Comune deve sostenere un trasporto che sia ​ecologico​, ​elettrico​, sostenibile​.

Sono stati stanziati 300 mila euro per rendere gratuiti i parcheggi Baldaccio, Mecenate e San Donato. Noi avremmo preferito investire tale somma nella mobilità elettrica e ​imposto ​ ad Atam (che ricordiamo essere di proprietà del Comune di Arezzo per il 99,4%) di dotarsi sempre più di mezzi di trasporto ​green​.

È un’occasione per cambiare il volto della città e rilanciare Arezzo. Il Movimento 5 Stelle è pronto a dare il suo contributo.
Movimento 5 Stelle Arezzo