Torna il Consiglio comunale. All’orizzonte una seduta “calda”

Torna il Consiglio Comunale. Seduta in videoconferenza fissata per il 30 giugno
Diretta streaming dalle ore 9 sul canale Youtube del Comune di Arezzo

Torna a riunirsi il Consiglio Comunale, con la convocazione fissata dal presidente Alessio Mattesini per martedì 30 giugno alle ore 9. Anche questa seduta si svolgerà in videoconferenza e potrà essere seguita in streaming sul canale Youtube del Comune di Arezzo.

Si preannuncia, di certo, una seduta “calda” dopo la notizia della chiusura dell’inchiesta su Coingas. Già dall’opposizione si sono alzati gli scudi. I 5 Stelle hanno chiesto un passo indietro di Ghinelli, anche per la nuova candidatura, mentre Ralli, capogruppo Pd e sfidante del centrosinistra alle amministrative, ha sollecitato il primo cittadino ad “informare in Consiglio i cittadini di Arezzo”.

Ralli: “Ghinelli informi in Consiglio i cittadini di Arezzo”

Mentre l’assessore Tanti ha confermato vicinanza al sindaco e Giovanna Carlettini (capogruppo FdI), con una nota, ha fatto quadrato intorno alla fiducia a Ghinelli.

Carlettini (Fdi): “Rispetto per la magistratura, però ci sono tempi che non tornano”

Intanto la seduta prevede che ai consiglieri che a casa non dispongono di una connessione internet stabile verranno messe a disposizione cinque postazioni in sala Giostra del Saracino dotate di wifi. I cittadini, come sempre, troveranno nella home page del sito del Comune di Arezzo tutti i riferimenti per assistere alla diretta video.

Fra le pratiche in discussione, dopo lo svolgimento delle interrogazioni, ci sono la variazione al bilancio di previsione 2020/2022 e modifica del regolamento sulla Tari (assessore Merelli); la variazione del programma triennale dei lavori pubblici 2020/2022 (assessore Gamurrini); la modifica al regolamento per la realizzazione delle opere di urbanizzazione da parte di soggetti privati (assessore Sacchetti); l’acquisizione a titolo gratuito di un tratto di viabilità in località San Zeno (assessore Nisini).

All’ordine del giorno anche gli atti d’indirizzo sull’intitolazione di un giardino a Norma Crosetto, medaglia d’oro al merito civile, e a Guido Guidotti Mori, Podestà, Prefetto e imprenditore (consigliere Roberto Bardelli); sul duecentesimo anniversario della nascita del dottor Francesco Sforzi, “il medico dei poveri” (consigliere Donato Caporali); sulla deposizione di una corona di alloro al Sacrario di Basovizza e sulla intitolazione di una piazza ai caduti delle Forze dell’Ordine (consigliere Giovanna Carlettini); sulla intitolazione strade a vittime di femminicidio: Maria Bonini Fiumicelli e Ida Cartocci (consiglieri Meri Stella Cornacchini e Jacopo Apa).