Venditore di alimenti e bevande allacciato abusivamente all’Enel, beccato dai carabinieri

La Compagnia Carabinieri di San Giovanni Valdarno, ha predisposto un imponente servizio preventivo, che ha visto l’impiego di 20 uomini ed 8 veicoli, nonché l’impiego di un’unità cinofila antidroga del Nucleo Carabinieri Cinofili di Firenze.

Il servizio, articolato in orario serale e notturno e svoltosi nella serata di ieri, ha permesso un controllo capillare di alcune aree considerate maggiormente critiche quali, in particolare, la zona del centro storico di Montevarchi, con particolare riguardo a piazza Vittorio Veneto ed all’area prospicente alla stazione ferroviaria.

Nel corso dell’operazione, sono state controllate 40 persone, delle quali 17 straniere, nonché verificati 7 veicoli e condotte due perquisizioni personali ed una domiciliare.
L’unità cinofila ha segnalato due persone, un nigeriano ed un albanese, che sono state trovate in possesso di modiche quantità di hashish e cocaina e, pertanto, sono state segnalate amministrativamente quali assuntori, alla Prefettura di Arezzo.

Il servizio ha visto il supporto anche del Nucleo Carabinieri Ispettorato per il Lavoro di Arezzo, che ha partecipato con due militari, ispezionando un bar in San Giovanni Valdarno e trovandolo irregolare per la mancanza della cassetta di pronto soccorso e per aver installato delle telecamere in violazione della normativa vigente: il titolare, albanese, è stato deferito all’autorità giudiziaria e sono state elevate sanzioni penali per circa 1.600 euro, mentre è stato effettuato anche un controllo per la verifica del rispetto delle normative relative al COVID 19, senza rilevare anomalie.

Nell’ambito del servizio è stato tratto in arresto un cittadino marocchino, titolare di licenza quale somministratore di bevande ed alimenti mediante un veicolo appositamente predisposto: lo stesso si era abusivamente allacciato alla rete elettrica, commettendo pertanto il reato di furto aggravato. Per l’accertamento è stato coinvolto personale specializzato dell’ENEL.

Il servizio svolto, al pari di altri già predisposti in passato e periodicamente attuati, si inquadra nel più ampio contesto di prevenzione per controllare, con particolare riguardo, i centri cittadini.